Lunedì 11 novembre, il centro storico di Castellaneta ospiterà la “Lanternata di San Martino”, che dopo l’esperienza dello scorso anno si carica di ulteriore senso.

L’evento, molto atteso da tutta la comunità, è organizzato dalle associazioni “Castellaneta Evolution – Orti Condivisi”, Afdha Onlus e Croce Blu Castellaneta con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto (C.S.V. di Taranto) nell’ambito delle “Idee di rete per… promuovere il volontariato.

In occasione di San Martino, ci si ritroverà alle 18:30 in piazza Umberto I per partecipare ad una speciale passeggiata che attraverserà il centro storico di Castellaneta: passando da Palazzo Catalano, fino ad arrivare in piazza Federico De Martino ai piedi della cattedrale di San Nicola, i bimbi accompagnati da genitori, nonni e amici, si lasceranno silenziosamente alle spalle le luci della città per inoltrarsi lungo le viuzze del borgo antico, rischiarati solo dalle loro lanterne.

San Martino, a cavallo, sarà in testa ad un corteo festoso e suggestivo: saranno intonati cori tradizionali, tra falò accesi e profumi inebrianti di caldarroste, vino novello, salsiccia e biscotti fatti in casa.

Le lanterne che i bambini porteranno lungo la passeggiata sono il frutto dei laboratori didattici realizzati nei giorni precedenti la festa direttamente tra i banchi di scuola, grazie alla preziosa collaborazione dei due Istituti Scolastici di Castellaneta coinvolti, il Pascoli-Giovinazzi e il Surico.
Tutti i cittadini che lo vorranno potranno prendere parte alla Lanternata che rappresenta davvero un momento gioioso di condivisione e inclusione nonché di riscoperta di luoghi e tradizioni; sarà sufficiente realizzare una lanterna con un vasetto di vetro, un filo di ferro per il manico, carte colorate per decorare e un po’ di fantasia, e aggiungere così la propria luce a tutte le altre.
La serata sarà , inoltre, allietata dalle melodie del Gruppo Folkloristico dell’Associazione Motl La Fnodd e dai balli popolari degli alunni dell’I.C. Pascoli-Giovinazzi.